Come attirare clienti con il Destination Marketing

by - gennaio 05, 2019

Come attirare clienti con il Destination Marketing

Come attirare clienti con il Destination Marketing
Sei un esperto dell'hospitality?
Conosci il Destination Marketing?

Se possiedi una struttura ricettiva è fondamentale per te comprendere alcune dinamiche di tale disciplina.
Il Destination Marketing è una strategia di Marketing Territoriale di promozione del territorio. 
Essa si sostanzia in un'operatività sinergica di più soggetti privati e pubblici, rivolta alla creazione di maggior valore per la destinazione: dai mezzi di trasporto, alle principali attrazioni, agli eventi in programma in quel dato periodo e così via dicendo.

Ci sono però, dei passi necessari da seguire per incrementare gli ospiti della tua struttura ricettiva:

- offrire ai tuoi clienti non solo un posto per dormire, ma anche un posto che permetta di vivere un'esperienza a 360°, dall'esplorazione del territorio, alla partecipazione ad eventi, fino alla scoperta delle tipicità locali e delle tradizioni;
- creare un legame tra la struttura e la località, poiché il turista cerca in primis la destinazione, il luogo che vuole scoprire;
- fare promozione attraverso siti, social e app, sfruttando al meglio l'era del digitale, pubblicando info e racconti interessanti sul luogo in cui è ubicata la tua struttura;
- dare ai clienti informazioni utili che siano di qualità, sulle attrazioni più belle, sulle fermate della metro o degli autobus, sui migliori ristoranti.
- una delle leve fondamentali del Destination Marketing è la vendita di esperienze di viaggio uniche, quindi, scoprire le peculiarità del tuo paese o città nel modo più autentico possibile, suscitando emozioni.

Come attrarre clienti con il Destination Marketing


Un esempio per comprendere meglio il concetto di rete che deve attuarsi:
ho un b&b e nel week end fra i miei ospiti ci sono delle famiglie con bambini, oltre al pernottamento con colazione devo dare loro la possibilità di fare altro, ipotizziamo che nella località in oggetto ci sia un campo di lavanda o parco della lavanda ben gestito, ecco, questa è un'attività interessante da proporre sia a genitori che bambini.
Dovrò perciò organizzarmi con i proprietari del parco, con il tassista oppure la società di transfer così da garantire la visita prescelta. Ma non finisce qui, un ristorante, magari di cucina tipica, faccio rete con il ristoratore, convenzione e propongo nel mio pacchetto anche un'ottima esperienza gastronomica. Altri servizi possono essere aggiunti, anzi devono essere aggiunti, è fondamentale puntare sulle esperienze, che vanno vendute in numero maggiore in base ai giorni di permanenza degli ospiti.

Per arrivare a tutto ciò, vi è alla base una promozione fatta ancor prima che il turista arrivi nella mia struttura, ed è quella promozione dettagliata, di qualità e ben raccontata che ha permesso al nuovo visitatore di scegliere la meta e la mia struttura ricettiva.

Questi sono solo alcuni degli interessanti spunti che possono essere considerati come un primo passo rivolto all'applicazione di una strategia così complessa ed evoluta come il Destination Marketing. 

Si tratta di una progettualità mirata, soprattutto se parte e se nasce con l'interesse di Enti Pubblici, in tal caso potrebbe avere una risonanza non indifferente in termini di notorietà e di crescita, per i singoli operatori e per tutto il territorio.
I  risultati si manifestano nel lungo periodo, ma l'immagine diffusa della propria struttura e dei servizi che offre arriva subito all'interessato visitatore.

M.Milione



You May Also Like

0 commenti

Aziende Green: Natusole di Assunta Guerriero

Aziende Green: Natusole di Assunta Guerriero perché c'è chi valorizza partendo da se stessi Aziende Green Natusole di Assunta Gu...